Loader Image
corso_linfodrenaggio_milano

Frequenza 2 weekend lunghi (venerdi pomeriggio/domenica)

 

Le referenze bibliografiche relative al Sistema Linfatico risalgono al periodo dell’Antica Grecia: la scuola di medicina di Ippocrate, nel quarto secolo a.C., già menzionava l’esistenza della Linfa (il cosiddetto ‘sangue bianco’).

Il termine Limpha ha origine nella Ninfa Greca, la dea dell’acqua chiara, definendo quindi il liquido vitale quasi incolore; per avere studi più approfonditi sull’argomento di deve giungere al XVI secolo con figure di scienziati quali Gaspare Aselli (1581-1626) che a Milano riscopre l’esistenza dei vasi linfatici sezionando il mesentere (piega del peritoneo, a forma di lamina, che sostiene l’intestino tenue e contiene vasi e nervi dell’ intestino stesso) di un cane, Jean Pecquet (1622-1674) a Montpellier isola la ‘cisterna del chilo’ (il chilo è un fluido lattiginoso formato dagli alimenti parzialmente digeriti dall’intestino tenue) sempre su un cane, il danese Thomas Bartholin (1655 – 1738) realizza una descrizione anatomica del sistema linfatico e, nella stessa epoca, Olf Rudbeck (1630 – 1702) considera il sistema linfatico come una entità funzionale.

Nel secolo scorso il Prof. Winiwarther (1848 – 1917) chirurgo austriaco fù il primo a gettare le basi di manovre manuali per trattare i disturbi linfatici, soprattutto a livello di edemi delle estremità, basato sulla combinazione di tre procedure:

• MASSAGGIO LEGGERO CON DIREZIONE DA PROSSIMALE A DISTALE
• APPLICAZIONE DI SISTEMI DI COMPRESSIONE
• ELEVAZIONE DELLE ESTREMITÀ PER FAVORIRE IL RIFLUSSO LINFATICO

Pur lasciando trasparire i fondamenti moderni del Linfodrenaggio in breve questa metodica cadde in disuso finchè, intorno agli anni trenta, il danese Emil Vodder (1896-1986) che studiò medicina, sociologia e filosofia prima di approdare alla biologia, approfondendo la conoscenza del Sistema Linfatico, fece una scoperta che avrebbe avuto eccezionali ripercussioni future: provò a praticare il Massaggio dei Linfonodi e nel 1936 insieme alla moglie Estrid (naturopata) presenterà la sua tecnica a Parigi durante il Congresso d’Estetica “Salute e Bellezza”.

Successivamente tentò di inserirsi nell’ambito dell’Arte di Guarire, più specificatamente in quello riservato ai Kinesiterapeuti, ma venendo dall’estetica non fù cosa facile, per di più essendo autodidatta e non avendo fatto alcuna ricerca scientifica suscettibile di convincere un uditorio di livello medico-accademico; ancora oggi, nonostante i grandi vantaggi che il Linfodrenaggio porta nell’affrontare tutta una serie di situazioni e condizioni, non è ufficialmente riconosciuta come metodologia ‘sanitaria’ in quanto, secondo la scienza medica, non sono ancora completamente spiegabili una serie di meccanismi di azione.

I principali effetti della tecnica possono essere riassunti come segue:

  • EFFETTO SUL SISTEMA VEGETATIVO
  • EFFETTI SULLA CONDUZIONE NOCICETTIVA (STIMOLAZIONI DOLOROSE PRODOTTE DA VARI FATTORI)
  • EFFETTO IMMUNOLOGICO (INTESO COME INNALZAMENTO E RAFFORZAMENTO DELLE DIFESE IMMUNITARIE)
  • EFFETTO SULLA TONIFICAZIONE DELLA MUSCOLATURA LISCIA DEI VASI SANGUIGNI
  • EFFETTO DRENANTE

ed i principali campi di applicazione pratica sono riassumibili nelle seguenti situazioni:

  • ACNE
  • CELLULITE (AL PRIMO E SECONDO STADIO)
  • INVECCHIAMENTO
  • EDEMI LINFOSTATICI ESTESI
  • EDEMI LINFOSTATICI LOCALI DOPO OPERAZIONI (ES. MASTECTOMIA O ASPORTAZIONE DI STAZIONI LINFATICHE PRINCIPALI)
  • EDEMI LOCALI DI GENESI TRAUMATICA
  • OTTIMIZZAZIONE DEL PROCESSO DI CICATRIZZAZIONE
  • TURBE CIRCOLATORIE CONGENITE (SINDROME DI RAYNAUD)
  • AFFEZIONI REUMATOLOGICHE (REUMATISMO INFIAMMATORIO, ARTROSI, ARTROPATIE, MALATTIE SISTEMICHE DEL TESSUTO CONNETTIVO …)
  • AFFEZIONI DERMATOLOGICHE E GASTROENTEROLOGICHE
  • INFIAMMAZIONI CRONICHE LOCALI DEL TRATTO RESPIRATORIO (RAFFREDDORE CRONICO, RINITE ALLERGICA, SINUSITE CRONICA, CATARRO TUBARICO …)
  • ALCUNE AFFEZIONI DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE (EMICRANIA, CEFALEA …)
  • ARMONIZZAZIONE SISTEMA NERVOSO NEUROVEGETATIVO (IN CASO DI STRESS, DISTONIA VEGETATIVA)

La vastità del campo di applicazione fa del Drenaggio Linfatico Manuale, in breve Linfodrenaggio, una delle metodologie di massaggio più risolutive nel bagaglio di un Operatore Olistico.


REQUISITI di AMMISSIONE:
aver conseguito una precedente formazione ed esperienza pratica nel campo del Massaggio, in difetto é richiesta la frequenza propedeutica del Corso Massaggio Classico Svedese.

per ulteriori informazioni e adesione:
info@pantareimilano.it 345.0877700